skip to Main Content

Domenica 5 agosto ore 21.30
Dimora Storica Fattoria “La Parrina”

*in caso di maltempo locali al coperto “La Parrina”

Luigi Carroccia
Speciale Chopin e Rachmaninov

Programma
F. Chopin
Barcarola op. 60

4 Mazurke
op. 30 n.4
op. 41 n.3
op. 50 n.3
op. 30 n.3

Polacca Fantasia op. 61

S. Rachmaninov
Preludi op. 23 n. 4-5-6-7

Descritto dal Fort Worth Star-Telegram come un “aristocratico del pianoforte”, Luigi Carroccia è riconosciuto come uno dei pianisti italiani più promettenti della sua generazione e le sue interpretazioni, caratterizzate da uno spiccato lirismo e una grande comunicatività, hanno suscitato grande interesse nel panorama pianistico internazionale.
La sua attività concertistica lo ha visto regolarmente impegnato in Italia, Germania, Gran Bretagna, Turchia, Bulgaria, Giappone, Stati Uniti e Polonia, su palcoscenici importanti come la sala “Arturo Benedetti Michelangeli” del Conservatorio di Bolzano, la Symphony Hall di Birmingham, la Mendelssohn Haus di Lipsia, la sala “Alfredo Casella” dell’Accademia Filarmonica Romana, e il Colony Theater di Miami.
Luigi ha intrapreso i suoi studi musicali sotto la guida del padre e del nonno, entrambi musicisti. La sua maturazione artistica è proseguita presso il Conservatorio C. Monteverdi di Bolzano, dove si è diplomato con il massimo dei voti e lode e ha ottenuto il Biennio in Pianoforte solistico con lode e menzione d’onore.
In questi anni Luigi ha vinto numerosi premi in Concorsi nazionali ed internazionali, tra i quali il Premio Abbado indetto dal MIUR in memoria di Claudio Abbado, e si è distinto nei Concorsi F. Busoni di Bolzano, Fryderyk Chopin di Varsavia e “Van Cliburn” di Fort Worth.
Nel 2013 ha registrato un programma interamente dedicato al compositore F.Chopin per il programma “Il pianista” di Radio Classica e nel 2015 ha ricevuto una medaglia per la sua interpretazione delle opere di A. Scriabin durante il Festival “Grandi Maestri” a Kyunstendil, Bulgaria.
Dal 2016 Luigi è un Junior Fellow del Royal Birmingham Conservatoire.

“Carroccia is an aristocrat of the piano; there doesn’t seem to be a nonmusical atom in his being.” Olin Chism, Star-Telegram (Fort Worth – TX)
“They can all play the notes rapidly and most can even get into the music. Carroccia was something different. He has that elusive who-knows-what that separates one artist from the others.” Gregory Sullivan Isaacs, Theater Jones North Texas Performing Arts News.

 

Biglietti
Back To Top